Aporie e potenzialità delle architetture cognitive multi-agente in un caso di pianificazione ambientale