Anche le mie, come quelle di Paola Turci, sono sempre "storie degli altri"