L’estetica del viso è fondamentale per la comunicazione e l’interazione con la società circostante [3–6–37]; il volto fornisce informazioni che permettono l’identificazione di ogni singola persona [38]. La definizione dei canoni estetici coinvolge ricercatori, artisti e clinici, che hanno già provato a codificare quali proporzioni, angoli e rapporti del viso rendano una persona più attraente di un’altra. In ogni caso non sembrano esserci canoni universali e le caratteristiche estetiche di attrattività sono spesso peculiari a singoli contesti socio–culturali ed etnici [2–11–18]. Quanto sopra, peraltro, trova forte necessità di applicazione nello studio qualitativo e quantitativo della morfologia del distretto craniofacciale anche del singolo individuo cui necessitano, ad esempio, interventi estetici conseguenti anche a traumi. Si pensi, ad esempio, al danno fisionomico causato da cicatrici al volto, soprattutto se questo è quello di una Miss ovvero di un presentatore televisivo o di un attore. Questi personaggi fanno del volto una componente fondamentale della loro professione e non solo, la dove si sostiene che le menomazioni estetiche comportano diminuzioni della validità psico-fisica [71]. Pertanto, il suo confronto con un riferimento alla “norma”, rappresenta il primo passo nella diagnosi di qualunque processo patologico, nonché nella valutazione degli esiti della terapia effettuata [5].

Attrattività del viso e del sorriso

Galantucci L. M.;
2014

Abstract

L’estetica del viso è fondamentale per la comunicazione e l’interazione con la società circostante [3–6–37]; il volto fornisce informazioni che permettono l’identificazione di ogni singola persona [38]. La definizione dei canoni estetici coinvolge ricercatori, artisti e clinici, che hanno già provato a codificare quali proporzioni, angoli e rapporti del viso rendano una persona più attraente di un’altra. In ogni caso non sembrano esserci canoni universali e le caratteristiche estetiche di attrattività sono spesso peculiari a singoli contesti socio–culturali ed etnici [2–11–18]. Quanto sopra, peraltro, trova forte necessità di applicazione nello studio qualitativo e quantitativo della morfologia del distretto craniofacciale anche del singolo individuo cui necessitano, ad esempio, interventi estetici conseguenti anche a traumi. Si pensi, ad esempio, al danno fisionomico causato da cicatrici al volto, soprattutto se questo è quello di una Miss ovvero di un presentatore televisivo o di un attore. Questi personaggi fanno del volto una componente fondamentale della loro professione e non solo, la dove si sostiene che le menomazioni estetiche comportano diminuzioni della validità psico-fisica [71]. Pertanto, il suo confronto con un riferimento alla “norma”, rappresenta il primo passo nella diagnosi di qualunque processo patologico, nonché nella valutazione degli esiti della terapia effettuata [5].
Ortodonzia: tra passato e futuro
978-88-548-7623-1
Aracne
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11589/12446
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact