Sull’impiego del metodo a filo caldo per la misura di proprieta’ termofisiche di materiali