La struttura visivo percettiva del paesaggio come strumento regolativo della pianificazione. Un caso studio pugliese