Criticità del progetto in ambito archeologico. Valutazione “oggettiva” dell’esistente o ricorso alla semantica del non spazio?