Sul contenimento delle sovrappressioni massime dovute ai transitori negli acquedotti a gravità