CARLO AYMONINO: TRA CONTINUITA' E ROTTURA