Lo scritto evidenzia il valore del "fare misura" come atto primario anche temporalmente, del processo di conoscenza e di progettazione dello spazio architettonico. Viene approfondito il senso originario ed eimologico del "fare misura" e ne vengono verificati i tratti conflittuali esponendo il complesso problema dei sistemi di misurazione per la costruzione del Partenone a partire dall'interpretazione di Rys Carpenter e con l'ausilio dei rilievi eseguiti dall'ingengnere N. Balanos durante i lavori di anastilosi che furono compiuti sul Partenone nel 1934.

Il "Fare misura" come primo atto del consistere architettonico

CARULLO, Rossana
1999-01-01

Abstract

Lo scritto evidenzia il valore del "fare misura" come atto primario anche temporalmente, del processo di conoscenza e di progettazione dello spazio architettonico. Viene approfondito il senso originario ed eimologico del "fare misura" e ne vengono verificati i tratti conflittuali esponendo il complesso problema dei sistemi di misurazione per la costruzione del Partenone a partire dall'interpretazione di Rys Carpenter e con l'ausilio dei rilievi eseguiti dall'ingengnere N. Balanos durante i lavori di anastilosi che furono compiuti sul Partenone nel 1934.
Percorsi didattici di Progettazione architettonica
88-8302-106-1
L'Epos
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11589/10846
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact