Si tratta del risultato di sette successive campagne di scavo condotte nell’area del ‘Pretorio’ di Gortina di Creta per portare alla luce un importante complesso monumentale dalla storia edilizia assai complessa. Il contributo della sottoscritta ricostruisce una successione di fasi costruttive nell’edificio comprese tra la seconda metà del III e il VII secolo d.C., resa possibile dall’analisi delle tecniche costruttive e dai rapporti stratigrafici e strutturali tra le diverse strutture superstiti, sino a delineare un quadro della storia edilizia del complesso nel periodo in oggetto. La particolarità delle tecniche costruttive documentate nell’area, che rispecchia l’eterogeneitè, anche sotto questo aspetto, delle diverse province dell’impero, ha indotto ad affiancare ai metodi di indagine tradizionali altri sistemi rivelatisi più adeguati alle specifiche esigenze locali (coefficiente di densità, scarto quadratico); l’indagine è stata estesa all’intera Gortina e ulteriormente integrata con i dati ricavati dall’analisi diretta delle principali architetture della Creta romana. Il contributo si pone l’obiettivo di fornire una prima documentazione di riferimento per lo studio della muratura romana in Grecia, attraverso elementi di confronto comuni e metodologie di indagine tali da facilitare la commensurabilità dei dati.

Analisi delle fasi costruttive del Pretorio. Parte II

LIVADIOTTI, Monica
2000

Abstract

Si tratta del risultato di sette successive campagne di scavo condotte nell’area del ‘Pretorio’ di Gortina di Creta per portare alla luce un importante complesso monumentale dalla storia edilizia assai complessa. Il contributo della sottoscritta ricostruisce una successione di fasi costruttive nell’edificio comprese tra la seconda metà del III e il VII secolo d.C., resa possibile dall’analisi delle tecniche costruttive e dai rapporti stratigrafici e strutturali tra le diverse strutture superstiti, sino a delineare un quadro della storia edilizia del complesso nel periodo in oggetto. La particolarità delle tecniche costruttive documentate nell’area, che rispecchia l’eterogeneitè, anche sotto questo aspetto, delle diverse province dell’impero, ha indotto ad affiancare ai metodi di indagine tradizionali altri sistemi rivelatisi più adeguati alle specifiche esigenze locali (coefficiente di densità, scarto quadratico); l’indagine è stata estesa all’intera Gortina e ulteriormente integrata con i dati ricavati dall’analisi diretta delle principali architetture della Creta romana. Il contributo si pone l’obiettivo di fornire una prima documentazione di riferimento per lo studio della muratura romana in Grecia, attraverso elementi di confronto comuni e metodologie di indagine tali da facilitare la commensurabilità dei dati.
Gortina V. Lo scavo del Pretorio (1989-1995), «Monografie della Scuola Archeologica Italiana di Atene e delle Missioni Italiane in Oriente» XII,
978-88-6125-039-0
La Bottega di Erasmo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11589/13218
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact