I dati satellitari ad alta risoluzione, pur offrendo la possibilità di discriminare entità spaziali (reti stradali) in precedenza oscurate dalle basse risoluzioni dei sensori impiegati nelle acquisizioni, comportano un aumento generale della variabilità interna delle classi di copertura del suolo, rilevabili con le tecniche di classificazione convenzionali, con la conseguente diminuzione del livello di accuratezza dei risultati. In questo studio si affrontano le problematiche legate al riconoscimento automatico degli elementi lineari, proponendo una procedura di classificazione per-field a due fasi che, sfruttando l’informazione contestuale derivata da dati esterni, riduce efficacemente le ambiguità spettrali e la variabilità interna delle classi. Per una verifica sperimentale, la strategia è implementata in un sistema RS/GIS su un’immagine multispettrale IKONOS a 4 m di risoluzione spaziale, acquisita su una porzione di territorio che presenta elementi lineari eterogenei. La fase finale dello studio comprende, inoltre, la stima del livello di accuratezza dei risultati mediante il confronto con un’area campione, assunta come informazione reale di riferimento per il dato telerilevato.

Il Riconoscimento degli Elementi Lineari nelle Classificazioni delle Immagini Satellitari ad Alta Risoluzione Spaziale

CAPRIOLI, Mauro;TARANTINO, Eufemia
2001

Abstract

I dati satellitari ad alta risoluzione, pur offrendo la possibilità di discriminare entità spaziali (reti stradali) in precedenza oscurate dalle basse risoluzioni dei sensori impiegati nelle acquisizioni, comportano un aumento generale della variabilità interna delle classi di copertura del suolo, rilevabili con le tecniche di classificazione convenzionali, con la conseguente diminuzione del livello di accuratezza dei risultati. In questo studio si affrontano le problematiche legate al riconoscimento automatico degli elementi lineari, proponendo una procedura di classificazione per-field a due fasi che, sfruttando l’informazione contestuale derivata da dati esterni, riduce efficacemente le ambiguità spettrali e la variabilità interna delle classi. Per una verifica sperimentale, la strategia è implementata in un sistema RS/GIS su un’immagine multispettrale IKONOS a 4 m di risoluzione spaziale, acquisita su una porzione di territorio che presenta elementi lineari eterogenei. La fase finale dello studio comprende, inoltre, la stima del livello di accuratezza dei risultati mediante il confronto con un’area campione, assunta come informazione reale di riferimento per il dato telerilevato.
81-7764-245-6. 9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11589/13639
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact