The search for an idea of “South” which links two cultures dialoguing with each other, the Italian one and the Spanish one, in a specific historical background like that between Fifties and Sixties, takes on a significance in so far as it allows on one hand to rediscover the common ground of de- sign in both countries, on the other hand to understand which interpretation belongs to the idea of modernity in these not really culturally, economically and technologically dominant contexts within the international scenario. In this framework, the present contribution aims to analyse the forms of this “idea of South” within a complex process such as the construction of identity in the field of design through a specific perspective: the dialogue between Gio Ponti and the Spanish and Catalan design experiences. The figure of Gio Ponti constitutes a point of reference for the construction of an intense and prolific confrontation between Italy and Spain on the idea of mo- dernity, mapping out a real common path in the definition of a new idea of “South”. This idea, originated by the desire for renewal of the everyday household objects, results in an interpreta- tion of modernity in which the local material culture, the constructive tradition, the folk crafts constitute the main elements of a social renewal through the new discipline of industrial design.

La ricerca di una idea di “Sud” in cui convergano due culture dialoganti, quella italiana e quella spagnola, in un preciso contesto storico, cioè quello a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, assume senso nella misura in cui consente di riscoprire da un lato i caratteri comuni del design nei due paesi, dall’altro di comprendere quale declinazione interpretativa ha l’idea di modernità in due contesti non proprio dominanti, culturalmente, tecnologicamente ed econo- micamente, la scena internazionale. In questo quadro, il presente contributo analizza le forme attraverso cui individuare le possibili condizioni legate all’idea di Sud all’interno di un processo complesso come quello della costruzione identitaria della cultura del design, attraverso una pro- spettiva specifica: il dialogo tra Gio Ponti e le esperienze spagnole e catalane. La figura di Gio Ponti costituisce un punto di riferimento per la costruzione di un intenso e prolifico confronto tra Italia e Spagna sull’idea di modernità fino a delineare una vera e propria traiettoria comune nella definizione di una nuova idea di “Sud”; tale idea, originata dalla volontà di rinnovamen- to degli oggetti d’uso quotidiano in ambito domestico, si traduce in un’interpretazione della modernità in cui la cultura materiale locale, la tradizione costruttiva, l’artigianato popolare costituiscono i motori del rinnovamento sociale attraverso il progetto del prodotto industriale.

Gio Ponti e il design spagnolo. La modernità “a Sud” negli anni ’50 e ’60 tra Italia e Spagna

Bagnato, Vincenzo Paolo
2020-01-01

Abstract

La ricerca di una idea di “Sud” in cui convergano due culture dialoganti, quella italiana e quella spagnola, in un preciso contesto storico, cioè quello a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, assume senso nella misura in cui consente di riscoprire da un lato i caratteri comuni del design nei due paesi, dall’altro di comprendere quale declinazione interpretativa ha l’idea di modernità in due contesti non proprio dominanti, culturalmente, tecnologicamente ed econo- micamente, la scena internazionale. In questo quadro, il presente contributo analizza le forme attraverso cui individuare le possibili condizioni legate all’idea di Sud all’interno di un processo complesso come quello della costruzione identitaria della cultura del design, attraverso una pro- spettiva specifica: il dialogo tra Gio Ponti e le esperienze spagnole e catalane. La figura di Gio Ponti costituisce un punto di riferimento per la costruzione di un intenso e prolifico confronto tra Italia e Spagna sull’idea di modernità fino a delineare una vera e propria traiettoria comune nella definizione di una nuova idea di “Sud”; tale idea, originata dalla volontà di rinnovamen- to degli oggetti d’uso quotidiano in ambito domestico, si traduce in un’interpretazione della modernità in cui la cultura materiale locale, la tradizione costruttiva, l’artigianato popolare costituiscono i motori del rinnovamento sociale attraverso il progetto del prodotto industriale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11589/214467
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact