Leaf area index is an important parameter for forest, agronomy, hydrology, climatic application fields. Generally, LAI calculation is generated by processing medium/moderate spatial resolution satellite data. Despite their numerous advantages, such products have limits of lacking local validation for every side of the earth (level 3 validation).In this work the potentiality of WorldView-2 sensor data in validating LAI maps generated through lower spatial resolution data. Two approaches are generally used to retrieve LAI from surface reflectances: statistic methods and indirect or direct physical-based methods. Lacking contemporary in-situ measurements, the semi-empiric method of Clevers (1989) was tested using WV-2 data on the study area of Taranto (Italy). Results were examined on homogeneous land cover classes and compared with recent results obtained in literature.

L’indice di area fogliare (LAI) è un parametro importante in applicazioni forestali, agronomiche, idrologiche e climatiche. Generalmente il calcolo del LAI proviene dall’elaborazione di dati acquisiti da sensori satellitari a media/moderata risoluzione geometrica. Pur avendo innumerevoli vantaggi, tali prodotti hanno la limitazione di non essere validati localmente in ogni parte del globo (validazione di livello 3).Nella presente lavoro vengono indagate le potenzialità del sensore satellitare WorldView-2 (risoluzione geometrica pari a 2 m; 8 bande multispettrali nel visibile e nell’infrarosso vicino) nella validazione di mappe del LAI generate da dati a più bassa risoluzione geometrica.Tradizionalmente, due sono gli approcci più comunemente utilizzati per la stima del LAI da dati ottici telerilevati: i metodi statistici e i modelli biofisici diretti o inversi. A causa della difficoltà nel reperire misure in situ contemporanee alle acquisizioni satellitari e della complessità intrinseca dei modelli biofisici, per la stima del LAI si è optato per un compromesso tra i due approcci: il modello semi-empirico di Clevers (1989). I parametri del modello verranno stimati con il solo utilizzo dei dati WV-2 in un’area di studio compresa nel territorio di Taranto, analizzando le criticità di un simile approccio. I risultati ottenuti verranno inoltre esaminati per aree omogenee in base alla classe di copertura del suolo e confrontati con i valori presenti in letteratura

Potenzialità del sensore WorldView-2 nella stima del Leaf Area Index (LAI)

Antonio Novelli;Eufemia Tarantino;Andrea Gioia
2014

Abstract

L’indice di area fogliare (LAI) è un parametro importante in applicazioni forestali, agronomiche, idrologiche e climatiche. Generalmente il calcolo del LAI proviene dall’elaborazione di dati acquisiti da sensori satellitari a media/moderata risoluzione geometrica. Pur avendo innumerevoli vantaggi, tali prodotti hanno la limitazione di non essere validati localmente in ogni parte del globo (validazione di livello 3).Nella presente lavoro vengono indagate le potenzialità del sensore satellitare WorldView-2 (risoluzione geometrica pari a 2 m; 8 bande multispettrali nel visibile e nell’infrarosso vicino) nella validazione di mappe del LAI generate da dati a più bassa risoluzione geometrica.Tradizionalmente, due sono gli approcci più comunemente utilizzati per la stima del LAI da dati ottici telerilevati: i metodi statistici e i modelli biofisici diretti o inversi. A causa della difficoltà nel reperire misure in situ contemporanee alle acquisizioni satellitari e della complessità intrinseca dei modelli biofisici, per la stima del LAI si è optato per un compromesso tra i due approcci: il modello semi-empirico di Clevers (1989). I parametri del modello verranno stimati con il solo utilizzo dei dati WV-2 in un’area di studio compresa nel territorio di Taranto, analizzando le criticità di un simile approccio. I risultati ottenuti verranno inoltre esaminati per aree omogenee in base alla classe di copertura del suolo e confrontati con i valori presenti in letteratura
XVIII Conferenza ASITA 2014
978-88-903132-9-5
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11589/21958
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact