Sull'applicabilità della formula di Sabine nelle chiese romaniche