Il gruppo di ricerca sull'Antico del DICAR conduce dal 2010 una sperimentazione sul tema dell'anastilosi, in risposta ai danni prodotti dall'uso del cemento armato negli interventi del Novecento. La ricerca si è, infatti, principalmente focalizzata sui materiali da impiegare per l'integrazione lapidea e sugli innesti di fissaggio, tali da garantirne i requisiti estetici e funzionali richiesti. Il costante supporto di imprese pugliesi attive nel settore manifatturiero-lapideo in tutte le fasi della sperimentazione ha permesso di testare e verificare la sostenibilità delle integrazioni, grazie all'impiego di sistemi digitali e macchine a controllo numerico (laser 3D,CAD/CAM,CNC AM), validando, successivamente, l'impiego di materiali biocompatibili, come leghe non ferrose a base di titanio, c.d. "a memoria di forma" che, opportunamente trattate, si rivelano promettenti nella progettazione di dispositivi reversibili e compatibili con i materiali antichi. La sperimentazione condotta su alcuni frammenti provenienti dal sito di Egnazia, dai primi risultati forniti che ci proponiamo di condividere in questa sede, suggerisce una metodologia in grado di favorire interventi conservativi, potenzialmente valevoli per monumenti di simile litotipo e tecnica costruttiva.

Tecnologie e materiali innovativi nel Restauro archeologico. L'anastilosi della piazza porticata di Egnazia

Valentina Santoro
2023-01-01

Abstract

Il gruppo di ricerca sull'Antico del DICAR conduce dal 2010 una sperimentazione sul tema dell'anastilosi, in risposta ai danni prodotti dall'uso del cemento armato negli interventi del Novecento. La ricerca si è, infatti, principalmente focalizzata sui materiali da impiegare per l'integrazione lapidea e sugli innesti di fissaggio, tali da garantirne i requisiti estetici e funzionali richiesti. Il costante supporto di imprese pugliesi attive nel settore manifatturiero-lapideo in tutte le fasi della sperimentazione ha permesso di testare e verificare la sostenibilità delle integrazioni, grazie all'impiego di sistemi digitali e macchine a controllo numerico (laser 3D,CAD/CAM,CNC AM), validando, successivamente, l'impiego di materiali biocompatibili, come leghe non ferrose a base di titanio, c.d. "a memoria di forma" che, opportunamente trattate, si rivelano promettenti nella progettazione di dispositivi reversibili e compatibili con i materiali antichi. La sperimentazione condotta su alcuni frammenti provenienti dal sito di Egnazia, dai primi risultati forniti che ci proponiamo di condividere in questa sede, suggerisce una metodologia in grado di favorire interventi conservativi, potenzialmente valevoli per monumenti di simile litotipo e tecnica costruttiva.
Il congresso Beni Culturali in Puglia. Il patrimonio culturale pugliese. Ricerche, applicazioni e best pratices
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11589/246983
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact