Sull'esistenza di autovalori per un problema al contorno non lineare